Esposizione Arte Contemporanea di Feliciano Dal Prà

apr 01. apr 15.

Antologica

L’insieme delle opere esposte (tele e sculture) in stretto contatto tra loro appare una sorta di complesso rimontaggio di tutti i precedenti cicli ed una “summa” che ruota attorno a pochi principi fondanti posti alla base della sua vocazione artistica, che si dibatte sempre tra narrazione e astrazione, tra natura ed emozione.

Data
1 aprile 20172017-04-01T05:45:00 - 15 aprile 2017 2017-04-15T06:30:00
Ora
17.45 2017-04-01T05:45:00 - 18.30 2017-04-15T06:30:00
Luogo
Villa Barbarigo, Sala Esposizioni

Comunicato Stampa

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Noventa Vicentina (VI)

Presenta

“ANTOLOGICA”

Esposizione di arte contemporanea

Villa Barbarigo, Sala Esposizioni - Noventa Vicentina (VI)

dal 1° al 15 aprile 2017

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Noventa Vicentina promuove l’esposizione “ANTOLOGICA”, appuntamento artistico di primavera 2017.

L’evento è realizzato con la collaborazione di C20 studio e del Cenacolo artistico Nodo Insolito.

Una mostra antologica rappresenta una tappa importante, se non conclusiva, di un artista e del suo percorso espressivo. Pretende che siano state prodotte opere che testimoniano un itinerario tematico e figurativo scandito in modo inequivocabile e caratterizzato da immagini che si sono sedimentate nella sua e nostra memoria.

A partire dal 2000, anno della sua prima personale proprio in questa sala del Comune di Noventa Vicentina, Feliciano Dal Prà ha bruciato le tappe di una carriera segnata da una versatilità stilistica e da un eclettismo, che lo hanno portato a muoversi liberamente con soluzioni figurative, pop e astrazione, dialogando tra il passato e la contemporaneità e dimostrando un controllo formale che non ha mai conosciuto cadute o flessioni. La sua ricerca, dopo la fase giovanile durata quasi vent’anni senza particolari scelte operative, ha mirato subito a mettere a fuoco dei percorsi tematici che premevano nel suo inconscio e che si consumavano in un “incendio cromatico” che li divorava velocemente, anche grazie alla sua capacità di utilizzare ogni forma di materiali (nobili o di scarto)e al possesso di molteplici tecniche compositive.

Questa retrospettiva di Dal Prà, attraverso le sezioni in cui si organizza, dimostra che il suo è stato un furioso e suggestivo sperimentalismo e un azzardo continuo per l’abilità nel trasformare il dato della realtà in quello dell’immaginario, passando rapidamente dall’idea germinativa alla figura e al simbolo. E’ riuscito a fondere elementi decorativi, poetici e musicali attingendo equamente al mondo arcaico-primitivo e a quello dell’attualità più problematica. Ha sottoposto le memorie accumulate nel tempo alle tensioni tutte moderne del doppio, dell’antitesi e della flessibilità.

Pur sollecitato, negli anni, a verificare la sua curiosità artistica nelle forme del concettualismo e dell’astrazione (dalla fotografia al minimalismo) e tentato a più riprese dalla scultura e dalla plastica in genere, si può affermare che la pittura sia stata il suo codice più autentico, poiché essa non si nasconde mai, è un dato puro e perfettamente leggibile che si offre allo sguardo e che non teme sconfinamenti e contaminazioni. Così diventa, inevitabilmente, espressione di genuina veridicità e rappresenta pure i diversi stati della nostra condizione esistenziale.

I blocchi tematici selezionati per questa antologica sono:

Tracce nel tempo (legni e strumenti di bordo) , Il rosso e il nero (opere ed elaborazioni dalla forte connotazione cromatica), White album (mitologico e sculture zoomorfe),

Sculture vegetali (foglie di cocco rielaborate con soluzioni cromatiche e significati onirici).

L’insieme delle opere esposte (tele e sculture) in stretto contatto tra loro appare una sorta di complesso rimontaggio di tutti i precedenti cicli ed una “summa” che ruota attorno a pochi principi fondanti posti alla base della sua vocazione artistica, che si dibatte sempre tra narrazione e astrazione, tra natura ed emozione.

Renzo Zoia

Marzo 2017

Prolusione critica a cura del Prof. Renzo Zoia, sabato 1° aprile 2017 alle ore 17,45

Villa Barbarigo - Sala Esposizioni, Piazza IV Novembre, 2 - Noventa Vicentina (VI)

INGRESSO LIBERO

Orari mostra

Sabato e Festivi: ore 10,00 -12,00 / 16,00 -18,30

Altri orari su appuntamento, per informazioni:

Feliciano Dal Prà: 329 0710851

Gian Luigi Bonfante 347 4844546

Condividi: