Biblioteca in Giallo: consigli di lettura

INDICE




GLI ITALIANI

Torna all’indice


AUGUSTO DE ANGELIS
Augusto De Angelis (Roma, 28 giugno 1888 – Bellagio, 18 luglio 1944) è stato attivo soprattutto durante gli anni del fascismo.



Nel 1935 pubblicò il suo primo romanzo giallo, Il banchiere assassinato.
Scrisse successivamente una ventina di romanzi polizieschi, nei quali protagonista è il commissario Carlo De Vincenzi della squadra mobile di Milano (cui la RAI ha dedicato fra il 1974 ed il 1977 due serie televisive con Paolo Stoppa nei panni dell'investigatore), un personaggio arguto ma molto umano, attraverso il quale l'autore si svincolò presto dai cliché dell'investigatore di stampo anglosassone, creando una sorta di Maigret italiano ante litteram.
Nonostante il buon successo dei suoi romanzi, la censura del regime fascista, che non apprezzava il genere letterario, ne impose il sequestro, ponendo così fine alla sua esperienza letteraria.
Venne arrestato nel 1943 con l'accusa di antifascismo; uscì di prigione qualche mese dopo, estremamente provato. Picchiato brutalmente, sembra per un equivoco, da un fascista, morì pochi giorni dopo per le conseguenze del pestaggio.
Negli anni duemila Sellerio ha iniziato la pubblicazione di alcuni romanzi di De Angelis.



Bibliografia
• Il mistero delle tre orchidee

• L'Albergo delle Tre Rose

• Il mistero di Cinecittà

• La barchetta di cristallo

• Il candeliere a sette fiamme

• L'impronta del gatto

• Giobbe Tuama & C.

• Il banchiere assassinato



torna all’indice


ANDREA CAMILLERI
Andrea Calogero Camilleri (Porto Empedocle, 6 settembre 1925), scrittore, sceneggiatore e regista, dopo aver conseguito la maturità ad Agrigento nel 1943 ed essersi iscritto alla facoltà di Lettere, senza conseguire la laurea, inizia la sua attività letteraria nel 1945, con la pubblicazione di alcuni racconti e poesie. Dal 1948 al 1950 studia regia all'Accademia di Arte drammatica Silvio d'Amico e inizia a lavorare come regista e sceneggiatore.
Negli anni Cinquanta, dopo aver ottenuto un incarico in RAI, è il primo a portare in Italia il teatro dell'assurdo di Beckett con Finale di partita, sia al teatro dei Satiri di Roma sia in televisione con Adolfo Celi e Renato Rascel.
Dal 1959 a tutti gli anni sessanta opera come delegato alla produzione di numerosi sceneggiati di successo dell’emittente televisiva di Stato; cura anche la messa in scena di parecchie opere teatrali, sempre con un occhio di riguardo a Pirandello.
Nel 1977 gli viene affidata la cattedra di regia all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica, che manterrà per vent'anni.
L’esordio di Camilleri nella narrativa sui colloca nel 1978, ma è nel 1992 che diventa un autore di successo con La stagione della caccia. Nel 1994 pubblica La forma dell'acqua, primo romanzo poliziesco con protagonista la figura del commissario Montalbano, certamente il suo personaggio più noto. Negli anni successivi titoli come Il birraio di Preston (1995), La concessione del telefono (1998) e La mossa del cavallo (1999) vanno a ruba, mentre la serie televisiva su Montalbano, interpretato da Luca Zingaretti, ne fa ormai un autore cult.
Tra il 2004 e il 2008 pubblica altri romanzi con protagonista Montalbano: La pazienza del ragno, Privo di titolo, La luna di carta, La vampa d'agosto, Le ali della sfinge, La pista di sabbia, Il campo del vasaio e L'età del dubbio. Il 2009 vede l’uscita di La danza del gabbiano, vincitore nello stesso anno della XXVI edizione del Premio Cesare Pavese.
Nel 2010 la serie di Montalbano prosegue con La caccia al tesoro e Il sorriso di Angelica, ai quali si affianca Acqua in bocca, scritto insieme a Carlo Lucarelli, in cui per la prima volta il celebre commissario interagisce con un altro investigatore letterario, l'ispettrice Grazia Negro, creata appunto da Lucarelli. Nello stesso anno, inoltre, viene dato alle stampe L'intermittenza, thriller ambientato nella Milano dei giorni nostri.

Bibliografia
Serie del commissario Montalbano
• 1994 La forma dell'acqua
• 1996 Il cane di terracotta
• 1996 Il ladro di merendine
• 1997 La voce del violino
• 1998 Un mese con Montalbano (racconti)
• 1999 Gli arancini di Montalbano (racconti)
• 2000 La gita a Tindari
• 2001 L'odore della notte
• 2002 La paura di Montalbano (racconti)
• 2002 Storie di Montalbano (raccolta)
• 2003 Il giro di boa
• 2004 La pazienza del ragno
• 2004 La prima indagine di Montalbano (racconti)
• 2005 La luna di carta
• 2006 La vampa d'agosto
• 2006 Le ali della sfinge
• 2007 La pista di sabbia
• 2008 Il campo del vasaio
• 2008 L'età del dubbio
• 2008 Racconti di Montalbano (racconti)
• 2008 Il Commissario Montalbano - Le prime indagini (raccolta)
• 2009 La danza del gabbiano
• 2009 Ancora tre indagini per il commissario Montalbano (raccolta)
• 2010 La caccia al tesoro
• 2010 Acqua in bocca (in collaborazione con Carlo Lucarelli)
• 2010 Il sorriso di Angelica
• 2011 Il gioco degli specchi
• 2011 Altri casi per il commissario Montalbano (raccolta)
• 2012 Una lama di luce
• 2012 Una voce di notte
• 2013 Un covo di vipere


torna all’indice


MASSIMO CARLOTTO
Massimo Carlotto (Padova, 22 luglio 1956) è uno dei principali scrittori europei di libri noir.
Si è trovato al centro di uno dei casi giudiziari più controversi della storia italiana quando, il 20 gennaio 1976, la studentessa venticinquenne Margherita Magello viene uccisa nella sua abitazione padovana con 59 coltellate. Carlotto, all’epoca studente e militante di Lotta Continua, scopre casualmente la vittima, insanguinata e morente e si reca dai Carabinieri per raccontare il fatto; viene fermato, arrestato e imputato di omicidio. Assolto per insufficienza di prove dalla Corte d'Assise di Padova, subisce una condanna a 18 anni di reclusione dalla Corte d'Assise d'Appello di Venezia, pena divenuta definitiva con sentenza Corte di Cassazione nel 1982. Fugge dapprima in Francia, quindi in Messico, ma dopo tre anni di latitanza viene catturato dalla polizia messicana e torna in Italia.
Nel 1989 la Cassazione ordina la revisione del processo e rinvia gli atti alla Corte di Appello di Venezia, che il 22 dicembre 1990 pone una questione di legittimità costituzionale: la sentenza della Corte Costituzionale arriva il 5 luglio 1991, ma nel frattempo il presidente del Collegio rimettente è andato in pensione ed è necessario un secondo giudizio, nel quale Carlotto viene condannato a 16 anni. L'opinione pubblica si attiva a favore di Carlotto e nel 1993 il Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro gli concede la grazia.

Il personaggio più conosciuto della produzione letteraria di Carlotto è sicuramente l'Alligatore, alias Marco Buratti, detective privato sopra le righe che, in modo non sempre legale, vive fino in fondo i casi in cui si ritrova coinvolto.
I libri che compongono la saga dell'Alligatore sono:
• La verità dell'Alligatore (1995)
• Il mistero di Mangiabarche (1997)
• Nessuna cortesia all'uscita (1999)
• Il corriere colombiano (2000)
• Il maestro di nodi (2002)
• Dimmi che non vuoi morire (2007, a fumetti)
• L'amore del bandito (2009)
Nel novembre 2007 tutte le avventure dell'Alligatore, cinque romanzi e due racconti (Storia di Gabriella, vedova di mala e Il confronto), già editi, sono raccolti in un unico volume dall'omonimo titolo, uscito per le edizioni e/o, nella collana I super e/o.
I suoi libri sono tradotti in Francia, Gran Bretagna, Germania, Spagna, Grecia, Olanda, Repubblica Ceca e Stati Uniti.

Altri romanzi
• Perdas de fogu (2010)
• Alla fine di un giorno noioso (2011)
• L’oscura immensità della morte (2012)
• Respiro corto (2012)
• Cocaina (2013) con G. Carofiglio e M. De Cataldo

 
torna all’indice


MARCELLO FOIS

Marcello Fois (Nuoro, 1960), oltre che alla narrativa, si dedica anche alla sceneggiatura, sia televisiva (Distretto di polizia, L’ultima frontiera) sia cinematografica (Ilaria Alpi, il più crudele dei giorni), e al teatro.
Bibliografia
• 1992 Ferro recente
• 1993 Meglio morti
• 1997 Sheol
• 1998 Sempre caro
• 1999 Sangue dal cielo
• 2002 Piccole storie nere
• 2002 L’altro mondo
• 2003 Dura madre


torna all’indice




FRUTTERO & LUCENTINI
Lo pseudonimo Fruttero & Lucentini, spesso abbreviato in F&L, anche detto "la ditta", identifica il sodalizio artistico fra gli scrittori Carlo Fruttero e Franco Lucentini. I due hanno firmato collaborazioni giornalistiche, traduzioni e romanzi, soprattutto gialli, molto amati dal pubblico.

Sempre in coppia si sono occupati anche di fantascienza, dirigendo la collana Urania (Mondadori) per più di un ventennio (1961-1986).
Bibliografia
• La donna della domenica (1972)
• A che punto è la notte (1979)
• Il palio delle contrade morte (1983)
• Enigma in luogo di mare (1991)


torna all’indice



CARLO LUCARELLI
Carlo Lucarelli (Parma, 26 ottobre 1960), oltre che uno scrittore, è anche conduttore televisivo, sceneggiatore e giornalista.
Il suo esordio letterario avvenne con il giallo Carta bianca del 1990, il primo di una lunga serie di noir a sfondo poliziesco, genere per il quale è conosciuto anche all'estero, tra i quali vanno ricordati Almost Blue, da cui è stato tratto anche l’omonimo film, e Laura di Rimini (2001). Ha collaborato con Dario Argento alla sceneggiatura del film Non ho sonno (2001). Scrive anche per diversi giornali e riviste (Il Manifesto, L'Europeo, Il Messaggero) ed ha vinto numerosi premi letterari. Dal 1999 è conduttore del programma televisivo Blu notte - Misteri Italiani; per il fumetto ha firmato il soggetto del n.153 di Dylan Dog (La strada verso il nulla).
Ha fondato "Gruppo 13", un'associazione di scrittori di romanzi gialli della Romagna e cura la rivista telematica Incubatoio 16. Insegna anche scrittura creativa alla Scuola Holden a Torino e nel carcere Due Palazzi di Padova.
Dopo un breve periodo di pausa, nel 2006 è ritornato in televisione, ideando la fiction L'ispettore Coliandro (diretta dai fratelli Manetti), e con Milonga Station. Nel 2008 è andato in onda una serie di quattro film tv tratti dai romanzi de Il Commissario De Luca.

Bibliografia
Romanzi
• 1996 Guernica
• 1997 Febbre gialla
• 1998 Il trillo del diavolo
• 1999 L'isola dell'angelo caduto
• 1999 Mistero in Blu
• 2000 Autosole
• 2001 Laura di Rimini
• 2002 Misteri d'Italia, i casi di Blu Notte
• 2003 Il lato sinistro del cuore
• 2006 Tenco a tempo di tango
• 2008 L'ottava vibrazione
Serie con il commissario De Luca
• 1990 Carta bianca
• 1991 L'estate torbida
• 1993 Indagine non autorizzata
• 1996 Via delle Oche
Serie con l'ispettore Coliandro
• 1992 Nikita (racconto tratto dall'antologia collettiva I delitti del Gruppo 13)
• 1993 Falange armata
• 1994 Il giorno del lupo
• 2009 L'ispettore Coliandro (raccolta dei romanzi Nikita, Falange armata e Il giorno del lupo)
Serie con l'ispettore Grazia Negro
• 1994 Lupo Mannaro
• 1997 Almost blue
• 2000 Un giorno dopo l’altro
• 2010 Acqua in bocca, con Andrea Camilleri


torna all’indice

LORIANO MACCHIAVELLI
Loriano Macchiavelli (Vergato, 12 marzo 1934) è uno scrittore di pièces teatrali, racconti e romanzi polizieschi.
I più famosi di questi raccontano delle indagini della coppia investigativa più originale del giallo italiano, Sarti Antonio, un poliziotto onesto e tenace, ma di modeste capacità investigative, e Rosas, extraparlamentare, eterno studente universitario, una mente analitica degna dei polizieschi classici. La quasi forzata collaborazione tra i due, vivacizzata dall’appartenenza a posizioni politiche e sociali non di rado contrastanti, fa spesso luce sulle vicende di una umanità dolente e sconfitta.
Come accadde per Sherlock Holmes, il personaggio di Sarti Antonio fu, ad un certo punto, ‘soppresso’ dall’autore (in Stop per Sarti Antonio, 1987) ma poi, a furor di popolo, dovette essere riportato in vita. Macchiavelli fu al centro di un caso letterario anche quando, in periodo di scarso successo per i giallisti italiani, pubblicò, con lo pseudonimo di Jules Quicher, Funerale dopo Ustica (1989), un best-seller presentato come scritto da "un esperto di problemi della sicurezza in una famosa multinazionale svizzera" e incentrato su un evento tra i più drammatici della storia recente d’Italia, ossia il disastro del DC-9 inabissatosi nel mar Tirreno nel giugno 1980 in circostanze mai completamente chiarite. Un forte impatto nella letteratura poliziesca ebbero anche i successivi Strage (1990), uscito nel decimo anniversario della tragedia alla stazione di Bologna, Un triangolo a quattro lati (1992), con cui si completò questa ideale innovativa trilogia. Nelle storie di Machiavelli la città di Bologna è sempre personaggio comprimario; il territorio dove si svolgono i fatti non rappresenta mai solo uno sfondo. Intrigante e feconda la più recente collaborazione letteraria con Francesco Guccini.

Bibliografia
• 1975 Fiori alla memoria
• 1980 Sarti Antonio: un diavolo per capello
• 1981 Sarti Antonio: caccia tragica
• 1994 Sarti Antonio e il diamante insanguinato
• 2004 Sarti Antonio e l’assassino
• 2007 Tango e gli altri - romanzo di una raffica, anzi, tre con Francesco Guccini
• 2009 Delitti di gente qualunque
• 2011 Malastagione con Francesco Guccini
• 2012 L’ironia della scimmia


torna all’indice


MARCO MALVALDI
Nato a Pisa nel 1974, Marco Malvaldi ha esordito come scrittore nel 2007 con La briscola in cinque, il primo della serie di gialli del BarLume, proseguita con Il gioco delle tre carte (2008), Il re dei giochi (2010) e La carta più alta (2012). Protagonisti sono gli arguti vecchietti Ampelio, Aldo, Rimediotti e Del Tacca, impegnati assieme a Massimo, proprietario del bar da loro frequentato, a scovare i responsabili delle morti che agitano la quiete dell’immaginaria località toscana di Pineta.
Il paesaggio toscano fa da sfondo anche agli altri due gialli di Malvaldi: Odore di chiuso, imperniato su un omicidio avvenuto in Maremma nel 1895, e Milioni di milioni, in cui teatro della vicenda delittuosa è Montesodi Marittimo, piccolo centro delle colline del Chianti, pure questo di fantasia.
Bibliografia
Serie del BarLume
• 2007 La briscola in cinque
• 2008 Il gioco delle tre carte
• 2010 Il re dei giochi
• 2012 La carta più alta
Altri libri
• 2011 Odore di chiuso
• 2012 Milioni di milioni


torna all’indice



RENATO OLIVIERI
Renato Olivieri, nato a Sanguinetto, in provincia di Verona, nel 1925, trascorre l'infanzia a Torino; a 14 anni si trasferisce a Milano, dove è vissuto fino alla morte, avvenuta nel febbraio 2013.
Nel 1978 pubblica il suo primo romanzo giallo, Il caso Kodra; in esso compare il personaggio del commissario Ambrosio, uno degli investigatori più noti nel panorama letterario italiano, interpretato al cinema da Ugo Tognazzi in I giorni del commissario Ambrosio, per la regia di Sergio Corbucci.
Caratteristiche dei suoi libri sono le malinconiche atmosfere milanesi e la figura del personaggio principale, un poliziotto introverso, anch'egli malinconico, amante del bello e conoscitore d'arte.
Bibliografia
• 1978 Il caso Kodra
• 1980 Maledetto Ferragosto
• 1981 Dunque morranno
• 1983 L'indagine interrotta
• 1985 Le indagini del commissario Ambrosio
• 1987 Largo Richini
• 1988 Ambrosio indaga
• 1990 Hotel Mozart
• 1991 Piazza pulita
• 1992 Ambrosio ricorda
• 1993 Madame Strauss
• 1994 La fine di Casanova
• 1996 Il Dio denaro

torna all’indice



GIORGIO SCERBANENCO
Giorgio Scerbanenco (Kiev, 28 luglio 1911 – Milano, 27 ottobre 1969), nato a Kiev nell'allora Russia imperiale da padre ucraino e madre italiana, in tenera età si trasferì in Italia, dapprima a Roma e poi, a 16 anni, a Milano.
Scrittore di incredibile prolificità, raggiunse con il giallo una discreta fama, fino ad essere da taluni indicato come uno dei maggiori esponenti del genere. Non vi è dubbio, infatti, che sia da considerare tuttora il maestro ideale dei giallisti italiani, almeno a partire dagli anni Settanta. I suoi romanzi, oltre ad essere dei piccoli gioielli del noir, riletti oggi appaiono anche come uno spaccato umano e amaro dei nostri anni '60, che rivelano una Italia difficile, persino cattiva, ansiosa di emergere ma disincantata, certo lontana dalla immagine edulcorata e brillante che spesso viene trasmessa degli anni del boom economico.
Il suo primo romanzo giallo fu Sei giorni di preavviso, del 1940, in cui ideò la figura di Arthur Jelling; il successo arrivò però con la serie dedicata a Duca Lamberti, un giovane medico radiato dall'Ordine e condannato al carcere per aver praticato l'eutanasia su una donna in agonia. Lamberti in seguito diventa una sorta di investigatore privato che collabora con la questura di via Fatebenefratelli a Milano, in particolare con il commissario di origini sarde Càrrua. La serie di Duca Lamberti, iniziata con Venere privata nel 1966, porta all'autore successo, grazie alle molte versioni cinematografiche della stessa e ai riconoscimenti internazionali. Nel 1968 Traditori di tutti viene riconosciuto quale miglior romanzo straniero dal prestigioso premio francese Grand prix de littérature policière.
L'anno successivo, al culmine della sua carriera, Scerbanenco muore improvvisamente a Milano. Alla sua memoria è dedicato il più importante premio per la narrativa gialla italiana.
Bibliografia
• 1966 Venere privata dal quale il film Il caso “Venere privata” di Yves Boisset
• 1966 Traditori di tutti
• 1968 I ragazzi del massacro dal quale il film I ragazzi del massacro di Fernando Di Leo (1969)
• 1969 I milanesi ammazzano al sabato dal quale il film La morte risale a ieri sera di Duccio Tessari (1970)
Racconti e raccolte
• 1969 Milano calibro 9 ha ispirato i film Milano calibro 9 di Fernando Di Leo (1972), Liberi armati pericolosi di Romolo Guerrieri (1976), e Spara che ti passa (Titolo originale: ¡Dispara!) di Carlos Saura (1993)
• 1970 Il centodelitti dal quale è stata tratta la miniserie Centodelitti di Alberto Sironi (1978)
• 1993 Il falcone e altri racconti inediti
• 1995 Cinque casi per l'investigatore Jelling
• 1996 Millestorie
• 1997 Storie dal futuro e dal passato
• 2000 Basta col cianuro
• 2002 Uccidere per amore
• 2005 Racconti neri
• 2006 Uomini Ragno
• 2007 Annalisa e il passaggio a livello
• 2011 Nebbia sul Naviglio e altri racconti gialli e neri

torna all’indice

MASSIMO SIVIERO
Massimo Siviero (Roma, 26 gennaio 1942), nato a Roma da genitori napoletani, vive a Napoli. Nel 1992 pubblica Il Diavolo Giallo, il suo primo romanzo poliziesco con il quale vince il Festival in Noir di Viareggio. Fa la sua prima apparizione il personaggio del commissario capo Gabriele Abruzzese, il protagonista anche dei successivi romanzi.
Le trame dei suoi libri si svolgono in una società corrotta e malata che vuole trasformare le vittime in carnefici e coprire i colpevoli con una complicità tutta borghese. Fa da sfondo alle storie, anche quando non è protagonista, una criminalità organizzata che ha sempre avuto vita facile nella metropoli all'ombra del Vesuvio.
Bibliografia
• 1992 Il Diavolo Giallo

torna all’indice


IL GIALLO CLASSICO
Definito in inglese whodunit (contrazione di who done it? ossia “chi l'ha fatto?”, “chi è stato?”) il giallo deduttivo, chiamato anche giallo classico o a enigma, rappresenta la tipologia più antica e tradizionale del genere: un investigatore, spesso privato o dilettante, impegnato nelle indagini su un delitto, risale all’identità del colpevole attraverso l’analisi e l’elaborazione di indizi anche nascosti o fuorvianti. I fatti si svolgono per lo più in un contesto isolato (ad esempio una villa in campagna, un albergo, un treno in viaggio) e i sospettati rientrano in una cerchia ristretta e ben definita. Grande rilevanza, ai fini dell’identificazione del colpevole, hanno sia la metodologia di volta in volta utilizzata per compiere il delitto, sia gli alibi e i moventi dei personaggi. Un classico di questo genere è il cosiddetto enigma della camera chiusa, una vicenda in cui il crimine avviene in circostanze a prima vista inspiegabili, ad esempio all'interno di un ambiente apparentemente inaccessibile al pubblico. Il periodo d'oro del giallo classico è compreso tra il 1920 (l’anno della pubblicazione del primo romanzo di Agata Christie, Poirot a Styles Court) e il 1940.

torna all’indice


GILBERT KEITH CHESTERTON
Gilbert Keith Chesterton (Londra, 29 maggio 1874 - Beaconsfield, 14 giugno 1936), è l’inventore del personaggio di Padre Brown, modellato su quello di padre John O'Connor, un sacerdote irlandese che ebbe gran parte nella sua conversione dall’anglicanesimo al cattolicesimo, avvenuta nel 1922. Questo personaggio ha altresì ispirato diverse opere cinematografiche, tra cui spiccano Uno strano detective-padre Brown, interpretata da Alec Guinness, e la serie italiana in sei puntate andata in onda tra il 1970 e il 1971, con protagonisti Renato Rascel e Arnoldo Foà, diretta da Vittorio Cottafavi.
Bibliografia
Chesterton ha pubblicato cinque volumi dedicati ai racconti di padre Brown:
• L'innocenza di Padre Brown
o La croce azzurra
o Il giardino segreto
o Gli strani passi
o Le Stelle Volanti
o L'uomo invisibile
o L'onore di Israel Gow
o La forma errata
o I peccati del principe Saradine
o Il martello di Dio
o L'occhio di Apollo
o All'Insegna della Spada Spezzata
o I tre strumenti di morte
• La saggezza di Padre Brown
o L'assenza del signor Glass
o Il Paradiso dei Ladri
o Il duello del dottor Hirsch
o L'uomo nel vicolo
o L'errore della macchina
o La testa di Cesare
o La parrucca violacea
o La morte dei Pendragon
o Il dio dei gong
o L'insalata del colonnello Cray
o Lo strano delitto di John Boulnois
o La favola di Padre Brown
• L'incredulità di Padre Brown
o La resurrezione di Padre Brown
o La freccia del destino
o L'oracolo del cane
o Il miracolo della Mezzaluna
o La maledizione della croce d'oro
o Il pugnale alato
o La maledizione dei Darnaway
o Lo spettro di Gideon Wise
• Il segreto di Padre Brown
o Il segreto di Padre Brown
o Lo specchio del magistrato
o L'uomo con due barbe
o La canzone dei pesci volanti
o L'attore e l'alibi
o La sparizione di Vaudrey
o Il peggior crimine del mondo
o La Luna Rossa di Meru
o Il luttuoso signore di Marne
o Il segreto di Flambeau
• Lo scandalo di Padre Brown
o Lo scandalo di Padre Brown
o Lo Svelto
o La maledizione del libro
o L'Uomo Verde
o L'inseguimento del signor Blue
o Il crimine del comunista
o La punta di uno spillo
o Il problema insolubile
o Il vampiro del villaggio


torna all’indice



AGATHA CHRISTIE
Agatha Mary Clarissa Miller, nota come Agatha Christie (Torquay, 15 settembre 1890- Wallingford, 12 gennaio 1976) è divenuta famosa in tutto il mondo attraverso i suoi due maggiori personaggi, l'investigatore belga Hercule Poirot e la simpatica vecchietta, nonché intrigante indagatrice, Miss Marple.
I suoi libri sono stati venduti in un miliardo di copie in lingua originale; è la scrittrice inglese più tradotta in assoluto, superando persino Shakespeare.

Bibliografia
• 1920 Poirot a Styles Court, in cui appaiono Hercule Poirot, il Capitano Arthur Hastings e l'Ispettore Capo Japp;
• 1923 Aiuto, Poirot!
• 1925 Poirot indaga
• 1925 Tre topolini ciechi e altre storie, nove racconti brevi di cui alcuni con protagonisti Miss Marple ed Hercule Poirot
• 1926 L'assassinio di Roger Ackroyd tradotto anche come Dalle nove alle dieci
• 1927 Poirot e i quattro
• 1928 Il mistero del treno azzurro
• 1930 La morte nel villaggio o Omicidio su misura, in cui appare per la prima volta Miss Jane Marple
• 1930 Miss Marple e i tredici problemi
• 1933 Se morisse mio marito
• 1934 Assassinio sull'Orient-Express
• 1935 Tragedia in tre atti
• 1935 Delitto in cielo
• 1936 La serie infernale
• 1936 Non c'è più scampo
• 1936 Carte in tavola
• 1937 Poirot sul Nilo
• 1937 Due mesi dopo
• 1937 Quattro casi per Hercule Poirot
• 1938 La domatrice
• 1939 È troppo facile
• 1939 Il Natale di Poirot
• 1940 La parola alla difesa
• 1941 Corpi al sole
• 1941 Poirot non sbaglia
• 1942 Il ritratto di Elsa Greer
• 1942 Il terrore viene per posta
• 1946 Poirot e la salma
• 1948 Alla deriva
• 1950 Un delitto avrà luogo
• 1952 Fermate il boia
• 1952 Miss Marple: giochi di prestigio
• 1953 Polvere negli occhi
• 1953 Dopo le esequie
• 1955 Poirot si annoia
• 1956 La sagra del delitto
• 1957 Istantanea di un delitto
• 1959 Macabro quiz
• 1962 Silenzio: si uccide o anche Assassinio allo specchio
• 1963 Sfida a Poirot
• 1964 Miss Marple nei Caraibi
• 1965 Miss Marple al Bertram Hotel
• 1966 Sono un’assassina?
• 1969 Poirot e la strage degli innocenti
• 1971 Miss Marple: Nemesi
• 1972 Gli elefanti hanno buona memoria
• 1974 I primi casi di Poirot (diciotto brevi storie del mistero)
• 1975 Sipario, l'ultimo caso di Poirot
• 1976 Addio Miss Marple, l'ultimo caso di Miss Marple


torna all’indice



ARTHUR CONAN DOYLE
Assieme a Edgar Allan Poe, Arthur Conan Doyle (Edimburgo, 22 maggio 1859 - Crowborough, 7 luglio 1930) è considerato il fondatore di ben due generi letterari: il giallo e il fantastico.
Doyle, in particolare, è il padre e maestro assoluto del giallo deduttivo, reso famoso grazie alla sua creatura di maggior successo, quella di Sherlock Holmes.
Bibliografia
Ciclo di Sherlock Holmes
• Uno studio in rosso (1887) romanzo
• Il segno dei quattro (1890) romanzo
• Le avventure di Sherlock Holmes (1892), raccolta di racconti
• Le memorie di Sherlock Holmes (1894), raccolta di racconti
• Il mastino dei Baskerville (1902), nella cronologia del personaggio precede Le memorie (romanzo)
• Il ritorno di Sherlock Holmes (1905), raccolta di racconti
• La valle della paura (1915) romanzo
• L'ultimo saluto di Sherlock Holmes (1917), raccolta di racconti
• Il taccuino di Sherlock Holmes (1927), raccolta di racconti.


torna all’indice



ALICIA GIMÉNEZ-BARTLETT
Alicia Giménez-Bartlett (Almansa, 10 giugno 1951), di origine spagnola, è l’autrice della serie di romanzi che vede come protagonista la coppia formata dall’ispettrice di polizia di Barcellona Petra Delicato e dal suo collega Fermin Garzon.
Bibliografia
• 1996 Riti di morte
• 1997 Giorno da cani
• 1999 Messaggeri dell'oscurità
• 2002 Morti di carta,
• 2002 Serpenti nel paradiso
• 2003 Un bastimento carico di riso
• 2005 Il caso del lituano
• 2007 Nido vuoto
• 2009 Il silenzio dei chiostri
• 2013 Gli onori di casa


torna all’indice


MAURICE LEBLANC
Maurice Marie Èmile Leblanc (Rouen, 1864 - Perpignan, 1941) è conosciuto principalmente quale ideatore del ladro gentiluomo Arsenio Lupin, spesso definito come la controparte francese del personaggio di Sherlock Holmes di A.C. Doyle.

Bibliografia
• Arsene Lupin, ladro gentiluomo
• Le confidenze di Arsene Lupin
• La signorina dagli occhi verdi
• Arsene Lupin contro Sherlock Holmes
• Arsene Lupin e la contessa di Cagliostro
• Il tappo di cristallo

torna all’indice



ELLERY QUEEN
Ellery Queen è lo pseudonimo dei due cugini statunitensi, di origine ebraica, Frederic Dannay - nato Daniel Nathan ma registrato all'anagrafe come David (New York, 20 ottobre 1895 - 3 settembre 1982) e Manfred Bennington Lee - nato Manford Lepofsky ma registrato all'anagrafe come Emmanuel (New York, 11 gennaio 1905 - 3 aprile 1971); sono i creatori dell’investigatore dilettante, figlio di un funzionario della polizia di New York, che porta appunto lo stesso nome del loro pseudonimo.

Bibliografia
1929 La poltrona n. 30
1930 Sorpresa a mezzogiorno
1932 L’affare khalkhis
1932 Il mistero delle croci egizie
1938 Hollywood in subbuglio
1939 I denti del drago
1942 Il paese del maleficio
1949 Il gatto dalle molte code
1952 Il re è morto
1954 Il villaggio vetro
1958 Colpo di grazia
1965 Il quarto lato del triangolo


torna all’indice


GEORGES SIMENON
Georges Simenon, nome completo Georges Joseph Christian Simenon (Liegi, 13 febbraio 1903 - Losanna, 4 settembre 1989), scrittore belga di lingua francese, è stato uno dei più prolifici uomini di lettere del XX secolo. E’ noto soprattutto grazie alla figura del commissario Maigret, protagonista di racconti e romanzi polizieschi che hanno contribuito in maniera decisiva alla fama e al successo dello scrittore.
In queste opere Simenon traccia suggestivi ritratti psicologici ed evoca con efficacia le atmosfere parigine o quelle grigie e stagnanti della provincia francese. Le inchieste di Maigret sono la paziente ricostruzione della verità umana allo scopo di risalire all'antefatto all’origine del delitto, e con esso alle prove che consentano di assicurare il responsabile alla giustizia.
Bibliografia relativa a Maigret
• 1931 Pietr il lettone
• 1931 Il cavallante della Providence
• 1931 Il defunto signor Gallet
• 1931 Una testa in gioco
• 1932 L’ombra cinese
• 1932 Il porto delle nebbie
• 1932 L’affare Saint Fiacre
• 1932 Il fuoco di Bergerac
• 1933 La chiusa n. 1
• 1942 I sotterranei del Majestic
• 1942 La casa del giudice
• 1942 Cecile è morta
• 1944 Firmato Picpus
• 1944 Felicie
• 1944 L’ispettore Cadavere
• 1947 La furia di Maigret
• 1947 Maigret a New York
• 1948 Il morto di Maigret
• 1949 Il mio amico Maigret
• 1949 Maigret va dal coroner
• 1950 Maigret e la vecchia signora
• 1950 Maigret al Picratt’s
• 1951 Maigret e l’affittacamere
• 1951 Maigret, Lognon e i gangsters
• 1952 La rivoltella di Maigret
• 1953 Le due pipe di Maigret
• 1953 Maigret si sbaglia
• 1954 Maigret e la giovane morta
• 1955 Maigret e il corpo senza testa
• 1955 La trappola di Maigret
• 1956 Maigret si diverte
• 1958 Maigret e i testimoni recalcitranti
• 1959 Una confidenza di Maigret
• 1959 Maigret alle assise
• 1966 Maigret e il libanese
• 1966 Maigret e il ladro
• 1967 Maigret a Vichy
• 1971 Maigret e l’informatore
• 1972 Maigret e il signor Charles
Tra i romanzi scritti da Simenon dove non figura Maigret è doveroso ricordare:
• Tre camere a Manhattan: una storia avvincente e tetra, in cui non mancano colpi di scena, fotografie di vite squallide, persone insensibili e anche un amore; è stato scritto nel periodo in cui l'autore fu travolto dalla passione per la donna che poi diverrà la sua seconda moglie, Denyse Ouimet;
• L’uomo che guardava passare i treni: è la storia del signor Popinga che, colto nella routine della sua vita "perfetta", guarda passare i treni della notte con le tendine abbassate "sul segreto dei viaggiatori", finché un giorno prenderà anch’gli il treno della fuga da tutto e da tutti, per vestire i panni dell'omicida braccato dalla polizia di mezza Europa;

torna all’indice



REX STOUT
Rex Todhunter Stout (Noblesville, 1886 - Danbury, 1975) è stato capace di unificare i due generi - tradizionalmente separati - del giallo d'azione americano e di quello all'inglese, più intellettuale, nei racconti con protagonisti i suoi due personaggi più famosi, Archie Goodwin e Nero Wolfe.
Bibliografia relativa a Nero Wolfe
• 1934 La traccia del serpente
• 1935 La lega degli uomini spaventati
• 1937 La scatola rossa
• 1938 Alta cucina
• 1939 La guardia al toro
• 1940 Nero Wolfe e sua figlia
• 1940 Fine amara
• 1941 Tre sorelle nei guai
• 1946 Morto che parla
• 1949 Prima di morire
• 1949 Nient’altro che la verità
• 1951 Non credo agli alibi
• 1952 La pistola scomparsa
• 1952 I quattro cantoni
• 1953 Nero Wolfe e i ragni d’oro
• 1954 Nero Wolfe fa la spia
• 1956 Peggio che morto
• 1958 Natale di morte
• 1959 Nero Wolfe, discolpati!
• 1964 Il diritto di morire
• 1965 Nero Wolfe contro l’FBI
• 1969 Nero Wolfe e il caso dei mirtilli
• 1975 Nero Wolfe apre la porta al delitto
Romanzi senza Nero Wolfe
• 1934 Il presidente è scomparso
• 1940 Un pizzico di chinino

torna all’indice


S. S. VAN DINE
S. S. Van Dine, pseudonimo di Willard Huntington Wright (Charlottesville, 1888 - New York 1939), è il padre del personaggio di Philo Vance, esteta, intellettuale, studioso di psicologia, cultore d’arte e molto altro. Vance è un personaggio strettamente legato al concetto di Nietzsche del “superuomo”, probabilmente in virtù della passione del suo autore per il filosofo tedesco, tanto che fu lui stesso a curarne, all'epoca, la relativa voce nell’Enciclopedia Britannica.
Bibliografia
• 1926 La strana morte del dottor Benson
• 1927 Il caso della canarina assassinata
• 1928 La fine dei Greene
• 1928 L’enigma dell’alfiere
• 1929 La dea della vendetta
• 1932 La tragedia di casa Coe
• 1933 Il mistero del drago
• 1934 Signori, il gioco è fatto!
• 1935 Il mistero di casa Garde

torna all’indice


LA SCUOLA “HARD BOILED”

L’hard boiled (termine inglese che identifica un carattere rude, aspro) è un genere di giallo sviluppatosi in ambito americano e incentrato sulla figura di un investigatore privato che utilizza, nella lotta al crimine, gli stessi metodi violenti tipici di suoi avversari. Fin dall’inizio si è collocato in posizione alternativa rispetto al giallo classico all’inglese, sia per la caratterizzazione dei protagonisti (uomini duri e solitari, ben diversi dai raffinati detectives di scuola britannica) sia per gli ambienti rozzi e degradati che fanno da sfondo alle vicende.
Va ricordato come, oltre che in ambito letterario, l’hard boiled abbia conosciuto un grosso successo anche nel cinema d’oltreoceano, in particolare nel dopoguerra: si inseriscono a pieno titolo nel genere, infatti, personaggi come quelli interpretati da Gene Hackman in Il braccio violento della legge, Clint Eastwood nei panni dell'ispettore Callaghan, Al Pacino in Heat e Jack Nicholson in Chinatown.

torna all’indice


RAYMOND CHANDLER

Raymond Thornton Chandler (Chicago, 23 luglio 1888 - La Jolla, 26 marzo 1959) fu scrittore molto critico verso il giallo classico tradizionale, cui imputava una presunta mancanza di realismo. Il suo personaggio più famoso è l'investigatore duro ma onesto e riflessivo Philip Marlowe, portato sullo schermo da attori come Dick Powell, Robert Mitchum, Elliott Gould e, soprattutto, Humphrey Bogart.

Bibliografia

• 1939 Il grande sonno
• 1940 Addio, mia amata
• 1942 Finestra sul vuoto
• 1949 La sorella
• 1953 Il lungo addio
• 1958 Ancora una notte

torna all’indice


JAMES CRUMLEY

James Arthur Crumley (Three Rivers, 12 ottobre 1939 - Missoula, 17 settembre 2008) è considerato il più importante autore di romanzi hard boiled degli anni Settanta e Ottanta. E’ l'autore di L’ultimo vero bacio (1978), ritenuto dalla critica uno tra i migliori romanzi hard boiled nella storia del giallo.


Bibliografia

• 1969 Uno per battere il passo
• 1975 Il caso sbagliato
• 1978 L’ultimo vero bacio
• 1983 Dalla parte sbagliata (nuova traduzione nel 2010, con titolo La cattiva strada)
• 1993 L’anatra messicana
• 2005 Una vera follia

torna all’indice



JAMES HADLEY CHASE

James Hadley Chase, pseudonimo di Renè Brabazon Raymond (Londra, 1906 - Ascona, 1985) decise di diventare scrittore dopo avere letto “Il postino suona sempre due volte”, aiutandosi inizialmente con guide turistiche delle località statunitensi in cui voleva ambientare le sue vicende hard boiled e con alcuni dizionarietti di "gergo yankee". In più di quaranta anni di carriera letteraria - cominciata con il celebre Niente orchidee per miss Blandish (1939) - ha descritto con realismo ed efficacia un’America di crimini e criminali pur non avendola mai visitata di persona.

Bibliografia

• 1940 Sul mio cadavere
• 1941 In giro di notte
• 1945 Eva
• 1946 Bara per due
• 1948 La carne dell’orchidea
• 1952 Inutile prudenza
• 1952 Il boia di New York
• 1960 L’ora della verità
• 1954 Colpo a freddo
• 1961 Mossa decisiva
• 1971 L’asso nella manica

torna all’indice



DASHIEL HAMMETT

Samuel Dashiell Hammett (St. Mary’s County, 27 maggio 1894 - New York 10 gennaio 1961), investigatore privato presso l’agenzia Pinkerton, è l’autore dei libri gialli aventi come protagonisti le figure di Continental Op e di Sam Spade.

Bibliografia

• 1929 Piombo e sangue
• 1929 Il bacio della violenza
• 1930 Il falcone maltese
• 1931 La chiave di vetro
• 1933 Donna al buio
• 1934 L’uomo ombra



Bibliografia

• 1939 Il grande sonno
• 1949 Bersaglio mobile
• 1950 Il vortice
• 1951 Non piangete per chi ha ucciso
• 1952 Il ghigno d’avorio
• 1954 Non fuggire sceriffo
• 1956 La costa dei barbari
• 1958 L’inferno è in terra
• 1959 A un passo dalla sedia
• 1964 Il delitto non invecchia
• 1971 L’uomo sotterraneo


torna all’indice


IL POLICE PROCEDURAL

È l’espressione che identifica il giallo con protagonista un pool di investigatori istituzionali, appartenenti alle forze di polizia. In questi romanzi l’elemento decisivo per la soluzione dei fatti delittuosi è rappresentato dalle procedure e dalle tecniche scientifiche di indagine, utilizzate dalla polizia stessa nel corso della propria attività, che sono oggetto di accurata descrizione da parte dell’autore.


torna all’indice



MICHAEL CONNELLY

La maggior parte di libri di Michael Connelly (Filadelfia, 21 luglio 1965) riguarda le indagini di un investigatore della polizia di Los Angeles, Hyeronimus “Harry” Bosch. Questi, dopo la pensione, opera anche come investigatore privato, per poi tornare al suo ex dipartimento nell’unità “Cold case” (Casi irrisolti).

Bibliografia relativa a Harry Bosch

• 1992 La memoria del topo
• 1993 Ghiaccio nero
• 1994 La bionda di cemento
• 1997 Musica dura
• 1999 Il ragno
• 2001 Il buio oltre la notte
• 2002 La città delle ossa
• 2003 Lame di luce
• 2004 Il poeta è tornato
• 2005 La ragazza di polvere
• 2006 Il cerchio del lupo
• 2007 La città buia
• 2009 Il respiro del drago

Altri romanzi

• 1999 Il poeta
• 1998 Debito di sangue
• 2005 Avvocato di difesa
• 2011 L’uomo di paglia

torna all’indice



TONY HILLERMAN

Tony Hillerman (Sacred Heart, 27 agosto 1925 - Albuquerque, 26 ottobre 2008) ha scritto thriller di grandissimo successo pubblicati, oltre che negli Stati Uniti, anche in diversi paesi europei, tra cui l’Italia. Personaggi principali dei suoi gialli "etnici" sono il tenente della polizia navajo Leaphorn ed il sergente Jim Chee. Profondo conoscitore del mondo dell'ovest americano e delle riserve indiane, nelle sue opere mescola la tematica poliziesca, il thriller e lo spiritualismo indiano.


Bibliografia

• 1982 Il vento oscuro
• 1989 La maschera del Dio parlante
• 1990 La fame del coyote
• 1998 Il mistero della riserva indiana
• 1990 Ladri del tempo
• 1999 Morte nel canyon
• 2002 Notte di Halloween
• 2010 Skeleton man


torna all’indice


ED MCBAIN

Ed McBain, pseudonimo principale di Evan Hunter, nato Salvatore Albert Lombino (New York, 15 ottobre 1926 - Weston, 6 luglio 2005), oltre che affermato autore di libri è stato anche un noto sceneggiatore cinematografico.
Ha pubblicato centinaia di romanzi polizieschi e molte sceneggiature, comparendo sia con il suo vero nome, Evan Hunter, sia con diversi altri alias: quello di Ed McBain, il più conosciuto dal pubblico, fu usato appunto per i romanzi polizieschi.
Con il proprio nome ha scritto il suo romanzo di maggiore impegno, Il seme della violenza, e la sceneggiatura originale del film Uccelli, portato sul grande schermo dal regista Alfred Hitchcock. Come Ed McBain è l’autore della serie di romanzi dell' 87° Distretto e di quella di Matthew Hope.


Bibliografia

Serie dell’87° Distretto

• 1965 Tutto regolare, mamma
• 1969 Una cartuccia di troppo
• 1970 Gioco di pazienza per l’87° Distretto
• 1971 Tutti presenti
• 1972 L’assassino ha confessato
• 1974 Una questione di pane
• 1992 Kiss
• 1993 Misfatti
• 1994 Natale all’87° Distretto
• 1995 Romance
• 1997 Nocturne
• 1999 Grande città violenta
• 2000 L’ultimo ballo
• 2002 Il rapporto scomparso
• 2003 Il party
• 2005 Traditori


Serie di Matthew Hope

• 1985 Quando Sarah si veste di giallo
• 1986 Alias, Cenerentola!
• 1987 La gatta con gli stivali
• 1988 Un’ombra sulla spiaggia
• 1990 Tre topolini ciechi
• 1994 Il sangue di Matthew Hope
• 1996 Gladly l’orsacchiotto strabico
• 1998 L’ultima speranza


torna all’indice


IL NOIR

La caratteristica essenziale di questo genere (in francese noir significa “nero”) consiste nel fatto che il racconto non ha come scopo prevalente quello di descrivere e risolvere un crimine, bensì di indurre il lettore alla riflessione sul contesto politico e sociale che ne rappresenta lo scenario. Per tale motivo diversi sono gli elementi di differenziazione rispetto al giallo classico: spesso il protagonista della vicenda non è l’investigatore, bensì il criminale o chi vi si trova coinvolto suo malgrado; l’enigma cui dare soluzione si presenta meno elaborato; il finale è generalmente poco consolatorio e può persino capitare che l’identità del colpevole non venga accertata.
Altra definizione, di recente utilizzata in Italia per il noir, è quella di giallo sociale, riferita a un racconto con toni moralistici e di denuncia, in cui l’azione delittuosa investe non soltanto la sfera privata, ma anche quella pubblica, facendone così il mezzo per raccontare, oltre ai disagi individuali, anche, e soprattutto, i mali che affliggono la comunità.

torna all’indice


JAMES M. CAIN

James Mallahan Cain (Annapolis, 1892 - University Park 1977) è autore di alcuni romanzi divenuti poi film di grande successo. Si ricordano, in particolare, Il postino suona sempre due volte (1934), che ha avuto diverse riduzioni cinematografiche; Mildred pierce (1941), da cui Michael Curtiz trasse l’omonimo film, intitolato nell’edizione italiana Il romanzo di Mildred; La morte paga doppio (1943) da cui Billy Wilder ricavò il film conosciuto in Italia come La fiamma del peccato..

Bibliografia

• 1934 Il postino suona sempre due volte
• 1937 Serenata
• 1941 Mildred pierce
• 1943 La morte paga doppio
• 1948 La falena
• 1950 Vortice di paura
• 1981 Il bambino nella ghiacciai (racconti)

torna all’indice

JAMES ELLROY

James Ellroy, il cui vero nome è Lee Earle Ellroy (Los Angeles, 1948) è uno dei principali scrittori di noir statunitensi. Dopo aver perduto la madre per omicidio, all’età di soli dieci anni, e il padre sette anni dopo, ha vissuto per molto tempo una vita fatta di vagabondaggio e sregolatezze, fino a che, nel 1975, cominciò la lavorazione del suo primo romanzo Prega detective; è iniziata in quel momento un’attività letteraria ancor oggi con considerevole riscontro di pubblico.


Bibliografia

• 1981 Prega detective
• 1982 Clandestino
• 1984 Le strade dell’innocenza
• 1985 La collina dei suicidi
• 1986 L’angelo del silenzio
• 1987 Dalia nera
• 1988 Il grande nulla
• 1999 Tijuana, mon amour
• 1990 L.A. Confidential
• 1995 American tabloid
• 1996 I miei luoghi oscuri
• 2001 Los Angeles nera (ciclo di tre racconti)
• 2001 Sei pezzi da mille
• 2002 Il dubbio letale
• 2004 Destination Morgue
• 2005 Scasso con stupro
• 2006 Jungletown jihad
• 2009 Il sangue è randagio
• 2010 Caccia alle donne

torna all’indice


DAVID GOODIS

David Goodis (Filadelfia, 1917-1967) è uno degli scrittori che hanno fatto la storia del noir.


Bibliografia

• 1947 Vuoto nella mente
• 1954 Venerdì nero
• 1956 Sparate sul pianista



torna all’indice



PATRICIA HIGHSMITH

Mary Patricia Plaugman, meglio nota come Patricia Highsmith (Forth Worth, 19 gennaio 1921 - Locarno, 4 febbraio 1995) dimostrò fin dalla giovane età una spiccata tendenza per la scrittura.
Residente in Europa dal 1963 fino alla morte, annovera tra i suoi personaggi più noti il truffatore e assassino Tom Ripley, portato più volte sugli schermi cinematografici da famosi registi, tra cui Antony Minghella, Wim Wenders e Liliana Cavani.


Bibliografia

• 1952 Carol
• 1954 Vicolo cieco
• 1955 Il talento di Mr. Ripley
• 1957 Acque profonde
• 1960 Quella dolce follia
• 1961 I due volti di gennaio
• 1962 Il grido della civetta
• 1965 Senza pietà
• 1967 Inseguimento
• 1970 Sepolto vivo
• 1972 Il riscatto di in cane
• 1977 Il diario di Edith
• 1983 Gente che bussa alla porta
• 1986 Il piacere di Elsie
• 1991 Ripley sott’acqua
• 1995 Idilli d’estate


Raccolte

• 1970 Urla d’amore
• 1974 Piccoli racconti di misoginia
• 1975 Delitti bestiali
• 1979 Schegge di vetro
• 1981 La casa nera
• 1985 La follia delle sirene
• 1987 Catastrofi naturali
• 2002 Uccelli sul punto di volare
• 2002 Gli occhi di Mrs. Blynn



torna all’indice



JEAN CLAUDE IZZO

Jean Claude Izzo (Marsiglia, 1945-2000), figlio di un emigrato italiano in Francia, si è imposto all’attenzione del pubblico con la « Trilogia di Marsiglia », formata da Casino totale, Chourmo e Solea. Ne è protagonista il poliziotto Fabio Montale, uomo brillante, appassionato delle donne e della buona cucina, anche se caratterizzato da un forte cinismo frutto di episodi dolorosi accadutigli in passato.

• 1995 Casino totale
• 1996 Chourmo – il cuore di Marsiglia
• 2000 Solea


torna all’indice


JOE R. LANSDALE

Joe Richard Harold Lansdale (Gladewater, 28 ottobre 1951), oltre a costituire una delle figure più note del noir, ha pubblicato racconti e testi per la televisione, i fumetti e la fantascienza.

Bibliografia

Ciclo di Hap e Leonard

• 2001 Il mambo degli orsi
• 2003 Bad chili
• 2004 Rumble tumble
• 2006 Una stagione selvaggia
• 2006 Mucho mojo
• 2009 Sotto un cielo cremisi
• 2011 Devil Red
• 2013 Una coppia perfetta. I racconti di Hap e Leonard (contenente i tre racconti Nelle mani di Veil, Le iene e Sparare alla cieca)

Altri romanzi

• 2004 In fondo alla palude
• 2005 Tramonto e polvere
• 2006 Echi perduti
• 2007 La ragazza dal cuore d’acciaio
• 2007 Il lato oscuro dell’anima

torna all’indice


JIM THOMPSON

James Myers Thompson (Anadarko, 27 settembre 1906 - Hollywood, 6 aprile 1977) deve la propria fama soprattutto ai romanzi scritti nel suo periodo più prolifico, compreso tra la fine degli anni Quaranta e la metà degli anni Cinquanta.
I personaggi che popolano i libri di Thompson sono truffatori, perdenti, psicopatici; alcuni di loro vivono ai margini della società, altri vi sono perfettamente inseriti. La visione nichilista dell'autore è, nella maggior parte dei casi, espressa da una narrazione in prima persona; notevole si dimostra la sua capacità di analisi e comprensione degli meccanismi psicologici della follia criminale.

Bibliografia

• 1942 Inferno sulla terra
• 1949 Nulla più di un omicidio
• 1952 L’assassino che è in me
• 1953 Bad boy
• 1953 Notte selvaggia
• 1954 Uomo da niente
• 1954 Diavoli di donne
• 1955 E’ già buio, dolcezza
• 1957 Vita da niente
• 1959 In fuga
• 1963 Rischiose abitudini
• 1964 Colpo di spugna
• 1965 Vite in gioco

torna all’indice


MANUEL VAZQUEZ MONTALBAN

Manuel Vázquez Montalbán (Barcellona, 14 luglio 1939 – Bangkok, 18 ottobre 2003) è l’ideatore del noto investigatore Pepe Carvalho. Fu legato da un rapporto di profonda stima e amicizia con Andrea Camilleri, che in suo onore ha chiamato Montalbano il personaggio più conosciuto dei propri romanzi.

Bibliografia
• 1972 Ho ammazzato J. F. Kennedy
• 1977 Tatuaggio
• 1977 La solitudine del manager
• 1979 I mari del Sud
• 1981 Assassinio al Comitato centrale
• 1983 Gli uccelli di Bangkok
• 1984 La rosa di Alessandria
• 1986 Le terme
• 1987 Storie di fantasmi (racconti)
• 1987 Storie di padri e figli (racconti)
• 1987 Storie di politica sospetta (racconti)
• 1987 Tre storie d'amore (racconti)
• 1987 Assassinio a Prado del Rey (racconti)
• 1988 Il centravanti è stato assassinato verso sera
• 1991 Il labirinto greco
• 1993 Sabotaggio olimpico
• 1994 Il fratellino (racconti)
• 1996 Il premio
• 1997 Quintetto di Buenos Aires
• 2000 L'uomo della mia vita
• 2004 Millennio I: Pepe Carvalho sulla via di Kabul
• 2005 Millennio II: Pepe Carvalho, l'addio



torna all’indice


CORNELL WOOLRICH

Cornell Woolrich (New York, 1903-1968) è considerato da molti il fondatore del genere noir. Nel 1940, con il romanzo La sposa era in nero, diede così inizio alla cosiddetta "serie nera", una fortunata sequenza di racconti che influenzerà non solo il roman noir francese, ma anche il cinema: proprio La sposa era in nero diventerà nel 1967 un film di Truffaut, e molti degli altri suoi romanzi verranno ripresi con successo da Hollywood.
Tutte le sue opere sono pervase dai temi della morte e della solitudine, da un'atmosfera angosciosa e incalzante, che gli ha valso la definizione di "inventore del romanzo nero", ma anche dalla appassionata partecipazione alla disperazione e al dolore delle sue vittime, spesso provenienti dalle classi sociali più disagiate.


Bibliografia

• 1936 Dentro la notte
• 1940 La sposa era in nero
• 1942 La donna fantasma
• 1943 L’angelo nero
• 1944 Si parte alle sei
• 1948 Appuntamenti in nero
• 1950 Vortice di paura
• 1970 New York blues (postumo)


torna all’indice


IL THRILLER

Detto anche giallo a suspense o d’azione (dall’inglese thrill = minacciare, spaventare), è un genere nato negli anni Trenta, le cui vicende hanno come sfondo quello delle metropoli statunitensi attraversate dalla violenza della criminalità comune e organizzata. Elemento saliente del thriller è il tentativo di realizzare un progetto criminale, solitamente di ampia portata (ad esempio un atto di terrorismo o un colpo di stato), di cui l’investigatore, a differenza di quanto avviene nel giallo classico, conosce l’intenzione; per impedirne l’attuazione egli è costretto a intraprendere una dura lotta con la controparte, costellata di situazioni di pericolo e scontri violenti, suscitando così nel lettore sentimenti di tensione e persino di paura. Non è infrequente che il protagonista stesso, diversamente da quello del poliziesco all’inglese, per raggiungere l’obiettivo debba persino tutelare la sua incolumità fisica minacciata dal criminale di turno.
Al pari dell’hard boiled questo genere si è affermato pure in ambito cinematografico, grazie anche al contributo di alcuni dei suoi maggiori esponenti, in qualità di sceneggiatori, alla realizzazione di numerose pellicole di successo.

torna all’indice


DAN BROWN

Dan Brown (Exeter, 22 giugno 1964) è l’autore della fortunatissima opera Il codice da Vinci.


Bibliografia

• 2004 Angeli e demoni
• 2004 Il codice da Vinci
• 2005 La verità del ghiaccio
• 2006 Crypto
• 2009 Il simbolo perduto
• 2013 Inferno


torna all’indice


ROBERT CRAIS

Robert Crais (Baton Rouge, 1954), scrittore statunitense, è anche sceneggiatore di varie serie televisive, tra cui Baretta, Miami Vice, Avvocati a Los Angeles e JAG - Avvocati in divisa. I suoi personaggi più conosciuti sono l’investigatore privato Elvis Cole e l’amico Joe Pike.


Bibliografia (ciclo di Elvis Cole e Joe Pike)

• 1992 La città dorme
• 1993 La squadra
• 1995 Il mercante di corpi
• 1996 La prova
• 1999 L.A. killer o Los Angeles requiem
• 2003 L’ultimo detective
• 2005 L.A. tattoo
• 2007 L’angelo custode
• 2008 Attraverso il fuoco
• 2010 La prima regola
• 2011 La sentinella

Altri romanzi

• 2000 Lo specialista
• 2001 L’ostaggio
• 2006 Countdon


torna all’indice


KEN FOLLETT

Ken Follett (Cardiff, 5 giugno 1949), uno degli esponenti del genere più apprezzati in assoluto, si è cimentato con successo in due diverse sue articolazioni: il thriller di spionaggio (La cruna dell’ago, Sulle ali delle aquile, Un letto di leoni, Il volo del calabrone) e il tecnothriller imperniato sulle nuove tecnologie (Il terzo gemello, Nel bianco).

Bibliografia

• 1978 La cruna dell’ago
• 1982 L’uomo di Pietroburgo
• 1983 Sulle ali delle aquile
• 1986 Un letto di leoni
• 1993 Una fortuna pericolosa
• 1996 Il terzo gemello
• 1998 Il martello dell’Eden
• 2002 Il volo del calabrone
• 2004 Nel bianco


torna all’indice


STIEG LARSSON

Stieg Larsson (Skelleftea, 15 agosto 1954 – Stoccolma, 9 novembre 2004), scrittore e giornalista svedese, è assurto a notorietà dopo l’improvvisa morte per infarto grazie alla pubblicazione dei suoi thriller, facenti parte della trilogia Millennium, che sono stati tradotti in 25 lingue.

Bibliografia
• 2005 Uomini che odiano le donne
• 2006 La ragazza che giocava con il fuoco
• 2007 La regina dei castelli di carta


torna all’indice


ROBERT LUDLUM

Robert Ludlum (New York, 25 maggio 1927 - Naples, 12 marzo 2001), ex attore e produttore teatrale, a quarant'anni decise di cimentarsi, con notevole successo, con la narrativa. I suoi libri sono stati tradotti in 32 lingue e pubblicati in oltre 40 paesi, superando i 200 milioni di copie vendute.

Bibliografia

• 1972 La striscia di cuoio
• 1973 Il dossier Matlock
• 1973 L’ultima verità
• 1974 Il grido degli Halidon
• 1974 Sporco baratto
• 1976 Il treno di Salonicco
• 1977 Il manoscritto
• 1978 Il patto
• 1979 Il circolo Matarese
• 1980 The Bourne identity - il nome senza volto
• 1982 Il mosaico di Parsifal
• 1984 Aquitania
• 1986 Doppio inganno
• 1988 L’agenda Icaro
• 1990 Il ritorno dello sciacallo
• 1992 La strada per Omaha
• 1993 Le illusioni dello Scorpione
• 1995 I guardiani dell’Apocalisse
• 1997 Conto alla rovescia
• 2001 L’inganno di Prometeo


Serie Covert One (con protagonista il Tenente Colonnello Jonathan Smith, microbiologo ed ex agente della Cia)

• 2001 Laboratorio mortale
• 2003 Cassandra compact
• 2003 Codice Altman
• 2004 Lazarus Vendetta
• 2005 L’alleato
• 2006 Il vettore di Mosca


Pubblicati postumi

• 2001 Protocollo Sigma
• 2002 La direttiva
• 2003 Codice Altman
• 2004 Complotto
• 2005 Il segreto di Ambler
• 2006 La fondazione Bancroft

torna all’indice


HENNING MANKELL

Henning Mankell (Stoccolma, 3 febbraio 1948), svedese, è il padre della serie incentrata sulla figura di Kurt Wallander, commissario della di polizia cittadina di Ystad.

Bibliografia di Kurt Wallander
• 1991 Assassino senza volto
• 1992 I cani di Riga
• 1993 La leonessa bianca
• 1994 L'uomo che sorrideva
• 1995 La falsa pista
• 1996 La quinta donna
• 1997 Delitto di mezza estate
• 1998 Muro di fuoco
• 1999 Piramide
• 2002 Prima del gelo
• 2009 L’uomo inquieto
Altri romanzi
• 2007 Il cervello di Kennedy
• 2009 Il cinese

torna all’indice


JAMES PATTERSON

James Patterson (Newburgh, 22 marzo 1947) è noto principalmente per il personaggio di Alex Cross, interpretato sul grande schermo da Morgan Freeman.

Bibliografia
Ciclo di Alex Cross
• 1993 Ricorda Maggie Rose
• 1996 Il collezionista
• 1997 Jack e Jill
• 1998 Gatto e topo
• 2001 Il gioco della donnola
• 2006 Il caso Bluelady
• 2007 La tana del lupo
• 2008 Ultimo avvertimento
• 2009 Sulle tracce di Mary

Ciclo delle donne del club omicidi
• 2003 Primo a morire
• 2004 Seconda chance
• 2005 Terzo grado
• 2006 Le donne del club omicidi
• 2007 Qualcuno morirà
• 2008 Il sesto colpo
• 2009 Il settimo inferno
• 2010 L’ottava confessione
• 2011 Senza appello
• 2012 La cerimonia

torna all’indice


ALTRI AUTORI SCANDINAVI

Negli ultimi anni diversi autori di thriller, provenienti da nazioni del nord Europa, oltre ai già citati Larsson e Mankell, hanno saputo imporsi all’attenzione del pubblico. Tra di essi si segnalano in particolare:

Peter Hoeg, danese;
Kjell Ola Dahl, norvegese;
Jo Nesbo, norvegese;
Asa Larsson, svedese;
Liza Marklund, svedese;
Hakan Nesser, svedese
Maj Sjöwall e Per Wahlöö, svedesi.


torna all’indice


SOTTOGENERI DEL THRILLER

Il thriller è un genere letterario piuttosto complesso dal quale hanno tratto origine alcune sottocategorie, che si distinguono per lo specifico contesto di ambientazione della vicenda delittuosa.

Eco thriller: si tratta di racconti in cui il protagonista, chiamato a misurarsi con rivali simili a quelli che compaiono negli altri generi del thriller, deve impedire il realizzarsi di una calamità di natura biologica o ambientale. Alcuni esempi sono Insieme con i lupi, di Nicholas Evans, o Il canto dell’elefante, di Wilbur Smith, entrambi ispirati da reali questioni ambientali.

Thriller d’azione: sono opere contraddistinte da un incalzante ritmo narrativo e dal susseguirsi di scene d’azione, con presenza di elementi quali esplosioni, sparatorie, inseguimenti in auto o moto, cui viene dato un risalto ben superiore al tradizionale aspetto investigativo del thriller. Tra i maggiori esponenti ricordiamo Matthew Reilly e James Rollins.

Thriller legale: è il genere che ha come protagonisti avvocati, magistrati e altre figure, operanti nel contesto delle aule giudiziarie e impegnati nella risoluzione di fatti delittuosi in cui si trovano coinvolti non soltanto professionalmente ma anche personalmente e umanamente, talvolta fino a rischiare la loro stessa vita. Attualmente il più noto rappresentante di tale filone è John Grisham; molto apprezzati sono anche Richard North Patterson, Lisa Scottoline e Scott Turow. In Italia vi si è dedicato con profitto Gianrico Carofiglio, autore dei romanzi con l’avvocato Guido Guerrieri quale figura principale.
Benché si tratti di un genere sviluppatosi in epoca recente, la critica include tra i suoi maggiori esponenti Erle Stanley Gardner, che negli anni Trenta ideò il personaggio di Perry Mason, noto al grande pubblico soprattutto grazie alle numerose serie televisive a lui dedicate.

Thriller medico: appartengono alla categoria i romanzi gialli imperniati sulle figure dei medici legali e degli specialisti della polizia scientifica, in grado di assicurare alla giustizia il colpevole grazie all’analisi delle tracce raccolte nel corso dell’esame sia del cadavere sia della scena del crimine. Patricia Cornwell e Kathy Reichs sono le autrici più affermate.

Thriller politico: la definizione si riferisce ai gialli imperniati su tematiche politiche. Il suo più autorevole rappresentante è Frederyck Forsyth.

Thriller di spionaggio: è una forma di letteratura incentrata su vicende di spionaggio internazionale. Tra i suoi esponenti ricordiamo John Le Carrè, Graham Greene e Ian Fleming, creatore del famosissimo James Bond.

Thriller psicologico: è il genere di thriller in cui gli investigatori cercano di dare soluzione a fatti criminosi affidandosi non alla forza fisica, bensì alle loro qualità mentali, spesso dovendosi impegnare in un duro confronto di natura psicologica con i criminali di turno. Tra i più validi interpreti si segnalano Wulf Dorn, Mary Higgins Clark, Charlotte Link, Minette Walters, Julie Parsons, P.D. James e Ruth Rendell.

Tecno thriller: si tratta di romanzi, con caratteristiche simili del thriller d’azione, contraddistinti da accurate descrizioni delle tecnologie che compaiono nella vicenda e che ne costituiscono parte essenziale dello sviluppo. Tom Clancy e Michael Crichton sono ritenuti i due più validi interpreti del genere.

torna all’indice

IL GIALLO STORICO

Con questa espressione ci si riferisce abitualmente a una particolare tipologia del genere classico, caratterizzata dall’ambientazione della vicenda in un contesto storico passato anziché contemporaneo. Tra gli autori più prolifici vanno annoverati Ellis Peters, Margaret Doody, Candace Robb, Lynda S. Robinson, Lindsey Davis e gli italiani Monaldi & Sorti (creatori della saga il cui protagonista è l'abate Atto Melani), Danila Comastri Montanari, ideatrice della serie con investigatore il senatore romano Publio Aurelio Stazio, e Giulio Leoni, che affida le sue indagini a Dante Alighieri.
La distanza temporale dell’epoca evocata ha spinto la critica ad includere nella categoria del giallo storico anche i polizieschi ambientati nel periodo tra le due guerre mondiali. In tale ambito si segnalano gli inglesi Philip Kerr e Alan Furst, l’italiano Carlo Lucarelli con la serie del commissario De Luca e l'italo-americana Ben Pastor, creatrice quest'ultima della saga di Martin Bora, un ufficiale tedesco della Wehrmacht ispirato alla figura di Klaus von Stauffenberg, tra i pianificatori del fallito attentato a Hitler il 20 luglio 1944.


torna all’indice


IL SERIAL KILLER

È l’espressione che designa quei romanzi gialli, anche di diverso ambito (thriller medico, giallo psicologico e persino giallo classico), che raccontano le indagini su un soggetto responsabile di più omicidi in serie, solitamente compiuti adottando una metodologia ripetitiva e accuratamente preparata. Tra gli autori che vi possono essere annoverati ricordiamo lo statunitense Jeffrey Deaver, autore di Il collezionista di ossa, e il nostro Giorgio Faletti, con romanzi quali Io uccido, Niente di vero tranne gli occhi e Io sono Dio.

 torna all’indice

Sommario

Introduzione
Informazioni di base
Una nota più personale
...il resto del sommario... ...corpo del documento...

Introduzione

...sezione 1...

Informazioni di base

...sezione 2...

Una nota più personale

...sezione 2.1...

Condividi: