Il riciclo ha un nuovo amico

TETRAPAK:Il riciclo ha un nuovo amico

I CARTONI PER BEVANDE
SI RICICLANO INSIEME A
CARTA,CARTONE E CARTONCINO

 


COME CONFERIRE IL CARTONE PER BEVANDE

SCIACQUARE
i cartoni per bevande per evitare la formazione
di cattivi odori

SCHIACCIARE
i cartoni per bevande per ridurne il volume

CONFERIRE
i cartoni per bevande insieme a carta, cartoni e cartoncino

ESPORRE FRONTE STRADA
in pacchi legati o contenuti in scatole di cartone
o borse di carta


 I cartoni per bevande sono imballaggi a base cellulosica.
Sono utilizzati per confezionare e conservare bevande ed alimenti come il latte, i succhi di frutta, il vino e condimenti vari. Essendo composti in prevalenza da carta, possono essere riciclati in cartiera insieme agli altri materiali cellulosici.


All´interno del sito Tiriciclo.it è possibile consultare la mappa con tutti i comuni italiani in cui la raccolta differenziata è già attiva, le interviste ai gestori del servizio, le domande dei cittadini, le ultime news, le informazioni su come avviene il riciclo e sulla missione ambientale di Tetra Pak.
In COMUNI ATTIVI si può verificare, infatti, se anche nel proprio comune di residenza è stata attivata la raccolta differenziata degli imballaggi Tetra Pak e scoprire quali sono le componenti dei contenitori per alimenti e come vengono riciclate.

Nel 2007, attraverso il servizio di raccolta già attivo in più di 1.400 comuni italiani, oltre il 50% di queste confezioni è stato recuperato e riciclato, prevalentemente con carta e cartone. Si tratta di 2 miliardi e mezzo di contenitori sottratti alla discarica.

I contenitori Tetra Pak sono interamente riciclabili
Le tre componenti, carta (75%), polietilene (20%) e alluminio (5%), sono separate nel processo di cartiera e interamente riciclate in nuova carta e in nuovo materiale plastico. Il procedimento di separazione delle componenti avviene in una cartiera dedicata al riciclo dei soli poliaccoppiati.

In cartiera il materiale è trattato in un pulper ad alta densitá, un "enorme frullatore" che miscela il materiale in acqua. Senza l´aggiunta di alcun tipo di additivo chimico (le tre componenti sono incollate grazie all´azione del polietilene estruso a caldo e non di collanti), ma solo tramite l´azione meccanica dell´acqua e di una pala rotante, il poliaccoppiato si delamina, ossia i fogli di polietilene e alluminio si separano dalla carta. All´uscita dal pulper, avviene la fase di lavaggio: nel trommel, un tamburo rotante, la frazione cellulosica viene "catturata" da una cascata d´acqua, filtrata, e veicolata al normale processo di cartiera per la produzione di carta riciclata.

La frazione polietilene/alluminio viene invece inviata all´impianto di rigenerazione plastica. Dal riciclo dedicato dei cartoni per alimenti si ottengono due nuovi prodotti: Cartafrutta" ed EcoAllene®.
Cartafrutta é il risultato del riciclo delle confezioni per alimenti a lunga conservazione (latte, succhi di frutta, vino). E´ utilizzata per produrre articoli di cancelleria, stampati, sacchetti.
Le componenti di polietilene e alluminio vengono invece avviate a un nuovo processo di lavorazione per produrre l´EcoAllene®. Quest´ultimo è un materiale plastico, stampabile, utilizzato nell´edilizia e nel promotional per la realizzazione di gadgets, bigiotteria, articoli da scrivania, nella florovivaistica per la produzione di vasi e fioriere.

Vai al sito: Tiriciclo.it

 

 

 

Condividi: